Novità
Catalogo
Architettura
Collane
Compresse
Costellazioni
Etemenanki
Expectations
Figure

Periactoi
Manurba
Ritratti di città
Alleli
Metamorfosi
Arti visive
Sicilia
eBooks

Chi Siamo
Rete Vendita
Contatti
Newsletter

LetteraVentidue Edizioni S.r.l.
Corso Umberto I, 106
96100 Siracusa
P.IVA 01583340896

 

 

 






































Francesco Dal Co

Francesco Venezia e Pompei
L’architettura come arte del porgere


Settembre 2015, formato 12x18 cm, 80 pagine, brossura, colore, ISBN 9788862421652

Parlando dei musei, Alberto Giacometti ricordava che l’impressione da lui provata visitando il Louvre era simile a quella che si avverte ascoltando un racconto interrotto da reiterati inceppamenti dell’apparato fonatorio. «Tutte quelle opere», scriveva, «hanno un’aria così misera, così precaria, un percorso balbuziente attraverso i secoli, in tutte le direzioni possibili, ma estremamente sommario, ingenuo, per circoscrivere un’immensità formidabile – la vita». Capita spesso che anche le mostre d’arte e di architettura suscitino un’impressione analoga, mentre dovrebbero essere concepite e allestite per porre rimedio alla balbuzie di cui scriveva Giacometti.
Perché questa condizione si verifichi, è necessario dedicare all’allestimento di una mostra la medesima cura che uno scrittore dotato riserva ai racconti, eliminando gli “impedimenti fonetici” dal fluire delle immagini e delle suggestioni, offrendole, e così facendo interpretandole, alla intelligenza di chi osserva. Allestire una mostra appartiene all’arte del porgere. A quest’arte, all’arte capace suscitare il piacere che si prova quando osservando ci si trova nella condizione di conoscere la storia anteriore di quanto è offerto alla vista, appartiene l’allestimento progettato da Francesco Venezia per la mostra Pompei e l’Europa, 1748-1943 allestita nel Museo Archeologico di Napoli nel 2015.

Esaurito