Hassan Fathy sosteneva che “L’architetto moderno è diventato come un calciatore che gioca a calcio impiegando un cannone.” Sul filo di questo graffiante paradosso i testi raccolti in questo libro polemizzano e criticano con acume le derive di un’architettura dello show globalizzata e autistica incapace di farsi carico delle gravi questioni che attraversano il mondo. Da qui, attraverso il riferimento a figure critiche eretiche oggi dimenticate come Ivan Illich, Colin Ward, Aldo Capitini, Giacomo Borella, sostenendo la necessità di ritrovare, pur nello spaesamento delle città, “il senso di appartenenza al creato”, delinea un’idea di architettura minore, “un’architettura allegra, che riconosce la terra come dono, la manutiene e ne raccoglie i frutti”.

Giacomo Borella
Per un’architettura terrestre
12,00€
10,20€
isbn 9788862421645
book series costellazioni
current edition 3 / 2016
first edition 3 / 2016
language Italian
size 11x17cm
pages 92
print two-toned
binding paperback
Add to cart
from the same book series