I memorabili allestimenti di Pier Giacomo e Achille Castiglioni mettono in scena tutta la potenza narrativa dello spazio e lo fanno con una rara capacità di sintesi. La narrazione è fondata sul rapporto sensoriale con l’osservatore ma, al tempo stesso, è paradigmatica nel definire gli statuti di un assunto spaziale serissimo e divertito. Non sono gli oggetti a parlare ma la dimensione spaziale in cui il visitatore viene proiettato, con gli strumenti semplici e potenti con cui lo spazio si fa maestro: misura, tempo, luce.

Filippo Lambertucci
Lo spazio dei Castiglioni
13,50€
12,80€
isbn 9788862424363
book series figure
number 12
current edition 5 / 2020
first edition 5 / 2020
language Italian
size 12x18cm
pages 160
print b&w
binding paperback
copertina download
Add to cart
the author
Filippo Lambertucci è laureato alla Facoltà di Architettura dell’Università di Roma Sapienza, dove insegna progettazione architettonica ed è membro del Collegio del Dottorato di ricerca in Architettura – Teorie e Progetto. Come fondatore di LP.studio pratica i...

Filippo Lambertucci è laureato alla Facoltà di Architettura dell’Università di Roma Sapienza, dove insegna progettazione architettonica ed è membro del Collegio del Dottorato di ricerca in Architettura – Teorie e Progetto. Come fondatore di LP.studio pratica il progetto come ricerca nel campo dei servizi collettivi, sistemazioni urbane, architettura sacra, allestimenti di interni e mostre, infrastrutture e loro integrazione al paesaggio. Conduce ricerca universitaria inscindibilmente applicata e condotta attraverso il progetto sulla qualità degli spazi della mobilità contemporanea e nel campo della rigenerazione architettonica e urbana, con particolare riguardo alle aree archeologiche urbane. È approfondito in particolare il rapporto tra le infrastrutture ipogee e la stratificazione delle città storiche, indagando le potenzialità positive del “rischio archeologico” tra i cui esiti figura l’allestimento museografico e degli interni della stazione di San Giovanni a Roma. È autore, tra l’altro, di Esplorazioni Spaziali (2013) e curatore di Sottosuoli Urbani (2015) e Archeologia per chi va in metro (2019) I progetti di LPstudio hanno partecipato a mostre e ricevuto premi e riconoscimenti tra cui Premio Oderzo 2003, XIII Triennale di Architettura di Sofia (2012), RomArchitettura 5 (2014).

Read more

from the same book series