Il tema della casa ha costituito nella ricerca dei Maestri del Movimento Moderno un fertile ambito di sperimentazione che rappresenta ancora oggi un punto di partenza ineludibile per le più interessanti esperienze del progetto sull’abitare. La riduzione stereometrica di Loos, la luce come dispositivo architettonico e la promenade architecturale di Le Corbusier, la tensione verso uno spazio assoluto perseguita attraverso una rigorosa logica strutturale di Mies, sono temi su cui i più attenti architetti di oggi continuano ancora a misurarsi. 

Partendo dal loro lavoro è possibile rintracciare un ideale itinerario tra alcune case della contemporaneità che, con esiti linguistici assolutamente eterogenei, sembrano condividere uno stesso piano di fondazione: il sedime del Moderno.

Bruno Messina
Spazi domestici del XX secolo
16,50€
14,00€
isbn 9788862422161
edizione corrente 2 / 2017
prima edizione 1 / 2008
lingua Italiano
formato 14,8x21cm
pagine 140
stampa monocromia
rilegatura brossura
copertina download
Aggiungi al carrello
l'autore
Bruno Messina si laurea in Architettura presso la Federico II di Napoli nel 1986. Dal 2000 è docente di Progettazione Architettonica ed urbana presso l’Università di Catania. La sua attività progettuale è documentata da pubblicazioni su riviste nazi...

Bruno Messina si laurea in Architettura presso la Federico II di Napoli nel 1986. Dal 2000 è docente di Progettazione Architettonica ed urbana presso l’Università di Catania. La sua attività progettuale è documentata da pubblicazioni su riviste nazionali ed estere. Ha partecipato a varie mostre tra cui: “Architetti italiani under 50”, Triennale di Milano (2005), “Laboratorioitalia, genealogie”, Festival dell’Architettura, Parma (2005); “Restauri iblei”, IUAV, Venezia (2007). “Architetti italiani a confronto”, Facoltà di Architettura civile del Politecnico di Milano (2008), “Nuova Architettura Razionale, Palazzo della Gran Guardia in Piazza dei Signori, Padova (2012). Ha svolto attività di ricerca presso la Faculdade de Arquitectura dell’Universidade do Porto (1988) e presso la Fondation Le Corbusier a Parigi (2006).

 

 
Leggi ancora

dello stesso autore