Questo libro affronta, attraverso una serie di contributi critici e progettuali, il problema delle trasformazioni del paesaggio minerario indotte dalle attuali condizioni ambientali e dal bisogno di prefigurare un nuovo orizzonte culturale e di sviluppo. È una questione che richiede una visione progettuale capace di mettere in stretta relazione l’architettura, l’ingegneria, le infrastrutture, le tecniche, il contesto locale e i modelli socio-economici, per esplorare soluzioni che facciano emergere scenari in cui interpretare le profonde trasformazioni di questo paesaggio.

 

La riqualificazione, la rigenerazione e il risanamento ambientale dei siti minerari e industriali dismessi rappresentano, in questo senso, una sfida importante e urgente, occasione per definire una più ampia prospettiva di sviluppo basata anche sull’impulso alla ricerca scientifica nell’ambito delle tecniche di recupero ambientale e di architettura del paesaggio che possa generare sul territorio competenze e strutture che operino a livello mediterraneo ed europeo.

 

Un confronto documentato che cerca di riflettere, attraverso proposte e progetti nelle aree minerarie dismesse, sull’ampio spettro delle problematiche insite in questi contesti: Monteponi, sito tutelato come bene storico-paesaggistico ma difficile da riqualificare senza risolvere il problema del continuo rilascio, dai grandi ed affascinanti depositi di sterili, di sostanze chimiche pericolose per l’ambiente; il sito costiero di Masua, destinato per la bellezza del luogo a fini differenti da quelli originari, come quelli turistici; infine, il problema del mantenimento e della riqualificazione del sito industriale di Portovesme, attualmente soggetto alla crisi occupazionale e produttiva ma dotato di un’infrastrutturazione importante che non può essere persa. Tre differenti modi di agire sul patrimonio esistente in una visione, nelle differenze, unitaria e sistemica dell’architettura del paesaggio.

Contributi di: Antonio Angelillo, Alfonso Annunziata, Paolo Ceccon, Pier Francesco Cherchi, Salvatore Cherchi, Susanna Curioni, Adriano Dessì, Sara Impera, Pierpaolo Manca, Giorgio Massacci, Giaime Meloni, Giuseppina Monni, João Nunes, Giorgio Peghin, Carlo Pisano, Valeria Saiu, Antonello Sanna, Laura Zampieri


a cura di Giorgio Peghin
Paesaggi Minerari
Tecniche, politiche e progetti per la riqualificazione del Sulcis-Iglesiente
18,00€
9,00€ fino al 15/12/2019
isbn 9788862421966
edizione corrente 11 / 2016
prima edizione 11 / 2016
lingua Italiano
formato 17x22cm
pagine 144
stampa colore
rilegatura brossura
copertina download
Aggiungi al carrello
Il curatore
Giorgio Peghin (Sassari, 1965) architetto e dottore di ricerca, laureato al Politecnico di Milano, è stato assistente di Luigi Snozzi dal 2002 al 2006. Attualmente è professore associato in Composizione architettonica ed urbana presso l’Università degli St...

Giorgio Peghin (Sassari, 1965) architetto e dottore di ricerca, laureato al Politecnico di Milano, è stato assistente di Luigi Snozzi dal 2002 al 2006. Attualmente è professore associato in Composizione architettonica ed urbana presso l’Università degli Studi di Cagliari. Dal 2002 al 2008 è stato redattore della rivista Parametro. Autore e curatore di testi sulla città moderna, ha pubblicato i libri Carbonia (2009), Quartieri e città del novecento (2010), Il patrimonio urbano moderno (2012). Nel 2011 ha coordinato il progetto Carbonia Landscape Machine, vincitore del Premio del Paesaggio del Consiglio d’Europa.

Leggi ancora