Gli ospedali storici abbandonati celano un potenziale notevole, non solamente in quanto testimonianze architettoniche uniche, ma anche come elementi strategici per il progetto della città contemporanea. 

Questo studio esplora le potenzialità del riuso dell’“oggetto-ospedale” e i conseguenti processi di rigenerazione dei relativi contesti. L’indagine muove da alcuni quesiti preliminari. è possibile immaginare che il futuro degli ospedali in disuso passi per un’operazione di “traslazione tipologica”, intesa come proiezione di alcuni caratteri fondativi del tipo ospedaliero originario su nuove organizzazioni spaziali e funzionali? È possibile ipotizzare che il recupero e il riuso degli antichi ospedali si riveli una pratica virtuosa, non solo in termini di generale “sostenibilità ambientale”, ma anche per il ruolo che i grandi “contenitori storici” possono giocare nella rivitalizzazione sociale di un abitato e nella rigenerazione architettonica e paesaggistica di un insediamento? 

Questi temi sono stati oggetto di una ricerca che è stata sviluppata analizzando diciotto casi di studio europei, particolarmente significativi per la rilevanza storica e architettonica dell’edificio originario e per gli esiti determinati dall’introduzione di nuovi contenuti nelle forme preesistenti.

Pier Francesco Cherchi
Typological shift
Riuso degli ospedali storici abbandonati in Europa
22,00€
18,70€
isbn 9788862421959
edizione corrente 6 / 2016
prima edizione 6 / 2016
lingua Italiano/Inglese
formato 16,7x22cm
pagine 248
stampa colore
rilegatura brossura
copertina download
Aggiungi al carrello
l'autore
Pier Francesco Cherchi (1969), architetto e PhD, è ricercatore TD in progettazione architettonica e urbana per il Dipartimento DICAAR, Sezione Architettura, dell’Università di Cagliari. Si laurea a Roma nel 1999 e consegue il dottorato di ricerca presso la Facolt...

Pier Francesco Cherchi (1969), architetto e PhD, è ricercatore TD in progettazione architettonica e urbana per il Dipartimento DICAAR, Sezione Architettura, dell’Università di Cagliari. Si laurea a Roma nel 1999 e consegue il dottorato di ricerca presso la Facoltà di Architettura di Reggio Calabria nel 2003. Dal 2005 insegna progettazione architettonica presso la Facoltà di Ingegneria e Architettura di Cagliari.

La sua attività di ricerca è incentrata sui temi della riqualificazione della città storica e moderna e del riuso del patrimonio architettonico e urbano. Ha esposto gli esiti delle ricerche in seminari e congressi internazionali e ha scritto su diverse riviste tra le quali: Domus, Il Giornale dell’Architettura e il Journal of Civil Engineering and Architecture.  

È progettista e socio fondatore di C+C04STUDIO, dove ha sviluppato progetti e ha realizzato opere pubblicate e premiate in concorsi di progettazione ed esposte in occasione di mostre e convegni.

 

Leggi ancora