A trent’anni dalla scomparsa di Pier Luigi Nervi, la sua figura si afferma come una delle più influenti dell’architettura della seconda metà del Novecento. Egli appartene a quel ristretto numero di progettisti che ha saputo cogliere le potenzialità delle nuove tecniche del cemento armato, esaltando nell’arte del costruire la simbiosi tra intuizione statica, forma e modalità costruttive, recuperando nel progetto l’unità dei saperi, sempre presente nei progettisti che hanno segnato i momenti di maggiore progresso nella storia dell’architettura. La ricorrenza del trentennale dalla scomparsa è stata l’occasione per avviare in Italia e all’estero un gran numero di iniziative che hanno avuto il merito di fare scoprire al grande pubblico Pier Luigi Nervi come il massimo esponente dell’architettura italiana del secolo scorso, hanno posto al centro del dibattito di architettura il ruolo di Nervi nella storia dell’ingegneria italiana e internazionale ed infine hanno contribuito a far conoscere, anche attraverso opere minori, aspetti sconosciuti di un progettista impegnato su temi progettuali molto diversi nelle più varie realtà geografiche d’Italia e del mondo. 

La riscoperta dei progetti per lo stadio e la piscina di Taormina, redatti dallo studio Nervi tra il 1955 e il 1958, sconosciuti per lo più anche agli stessi abitanti del luogo, è un ulteriore spunto per alcune riflessioni sul ruolo di Pier Luigi Nervi nella realtà italiana degli anni sessanta considerandolo da una prospettiva periferica, diversa da quella ampiamente dibattuta nei libri di storia dell’architettura.

Laura Marino
Pier Luigi Nervi
Taormina - Lo stadio, la piscina
18,00€
15,30€
isbn 9788862421614
edizione corrente 1 / 2016
prima edizione 1 / 2016
lingua Italiano
formato 17x22cm
pagine 136
stampa bicromia
rilegatura brossura
copertina download
Aggiungi al carrello
l'autore
Laura Marino (Messina 1977) Architetto. Laureatasi in architettura presso l’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria nel 2001, nel 2005 consegue il titolo di dottore di ricerca in Composizione architettonica e progettazione urbana presso l’Unive...

Laura Marino (Messina 1977) Architetto. Laureatasi in architettura presso l’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria nel 2001, nel 2005 consegue il titolo di dottore di ricerca in Composizione architettonica e progettazione urbana presso l’Università degli Studi Federico II di Napoli discutendo la tesi “Lo spazio aperto come elemento di mediazione tra l’architettura e il paesaggio. Un caso greco: Aris Konstantinidis”. Ha svolto la propria attività didattico-scientifica  presso la facoltà di Architettura di Reggio Calabria, presso la facoltà di Architettura di Palermo, sede di Agrigento, e presso la facoltà di Ingegneria di Messina. Suo ambito di ricerca è l’architettura dei maestri del Novecento come momento di cerniera fra la tradizione e la modernità. Ha diverse pubblicazioni tra cui si ricordano le seguenti monografie: Aris Konstantinidis: un caso greco tra tradizione e modernità, Aion edizioni, Firenze 2008 e Hervè Brugoux. Architetture in Madagascar, LetteraVentidue, Siracusa 2012.

Leggi ancora

dello stesso autore