L’opera di Giuseppe Terragni è stata oggetto in questi anni di interpretazioni che contribuiscono a decifrarne le logiche compositive e sintattiche interne ma non di esaurirne la complessità dell’approccio.
Una traiettoria di ricerca fondamentale ma troppo presto abbandonata riguarda infatti quella che Enrico Mantero chiamava «l’anima della contestualizzazione», ovvero quell’appropriatezza rispetto a luoghi e usi che costituisce il più efficace principio di opposizione all’idea di omologazione della città che, anche in Italia, ha determinato le politiche urbane degli anni Venti e Trenta. 
Ripercorrere le vicende che hanno ispirato il Piano Regolatore di Como, il progetto per il risanamento del quartiere Cortesella, per la conservazione di Casa Vietti, per il Quartiere satellite di Rebbio e per la Casa del Fascio, le espressioni paradigmatiche di questa lungimirante visione, permette di riportare alla luce una declinazione tutt’altro che secondaria della poetica dell’architetto comasco, e uno dei temi che più chiaramente lo distingue sullo scenario delle coeve tendenze dell’avanguardia europea.

Matteo Moscatelli
La misura urbana di Giuseppe Terragni
9,90€
9,40€

Disponibile in versione ebook

isbn 9788862425155
collana Compresse
numero 44
edizione corrente 12 / 2021
prima edizione 12 / 2021
lingua Italiano
formato 12x18cm
pagine 120
stampa monocromia
rilegatura brossura
copertina download
Aggiungi al carrello
l'autore
Matteo Moscatelli (1978) si è laureato in architettura al Politecnico di Milano, dove ha conseguito un dottorato di ricerca in Architettura, Urbanistica, Conservazione dei luoghi dell’abitare e del paesaggio ed è docente di Architectural Design. Ha pubblicato Arc...

Matteo Moscatelli (1978) si è laureato in architettura al Politecnico di Milano, dove ha conseguito un dottorato di ricerca in Architettura, Urbanistica, Conservazione dei luoghi dell’abitare e del paesaggio ed è docente di Architectural Design. Ha pubblicato Architecture in Shanghai. History, Culture and Identity (Franco Angeli, Milano 2019, come curatore), Gli strumenti di controllo del progetto contemporaneo (Maggioli, Milano 2019), L’edificio alto residenziale nell’architettura europea (Araba Fenice, Boves 2017), e scritto per le riviste Archi, Area, Arketipo, Casabella, e Il disegno di architettura. Con il suo studio ha ricevuto premi e riconoscimenti per progetti di riqualificazione dello spazio pubblico a Lissone (1° premio, 2019), Marciana Marina (3° premio, 2017), Marina di Pisa (3° premio, 2015), Cerete (1° premio, 2006)
e Berbenno (3°premio, 2004). 

 

Leggi ancora

recensioni
La misura urbana di Giuseppe Terragni: sei progetti e due itinerari
della stessa collana