esto libro è il racconto di un’ esperienza di due professori universitari di architettura, attivi a Napoli e nel Sud per un periodo molto lungo. Pur non occupandosi direttamente di progetto hanno tracciato e tracciano ancora un loro privato e inedito percorso naturale che ha sempre permesso loro di fare architettura puntando su tre argomenti che hanno sempre messo insieme con efficacia: memoria, tecnologia e ambiente. Questo testo, quindi, non vuole essere non un’ operazione volta al passato ma uno strumento utile alla contemporaneità per trasformare in occasioni di architettura gli spazi inventivi e marginali che in questo momento si offrono al fare e al pensare.

Simona Ottieri
Alfonso Gambardella e Virginia Gangemi
Dal passato al futuro. Architettura tecnologia e ambiente 1953-2013
18,00€
15,30€
isbn 9788862420921
edizione corrente 7 / 2013
prima edizione 7 / 2013
lingua Italiano/Inglese
formato 17x22cm
pagine 112
stampa colore
rilegatura brossura
copertina download
Aggiungi al carrello
l'autore
Simona Ottieri (Portici 1971) si è laureata in architettura nel 1997, ha conseguito il Master dell'Unione Europea in Restauro e Conservazione dei nuovi Beni Culturali, è Dottore di Ricerca in Ingegneria dei Materiali presso l'Università Federico II° di Napol...

Simona Ottieri (Portici 1971) si è laureata in architettura nel 1997, ha conseguito il Master dell'Unione Europea in Restauro e Conservazione dei nuovi Beni Culturali, è Dottore di Ricerca in Ingegneria dei Materiali presso l'Università Federico II° di Napoli.

Dal 2003 dirige il laboratorio di progettazione "gambardellarchitetti" e si è aermata in diversi premi e concorsi internzionali. I suoi lavori di progettista sono stati pubblicati su diversi libri e riviste ed è stata invitata a esporre alle ultime due edizioni del Padiglione Italia alla Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia.

Ha pubblicato quattro libri e si è sempre concentrata su questioni connesse all’allestimento degli spazi e alla loro realizzabilità tecnologica.

 

Leggi ancora