Tra i progetti non realizzati di Francesco Borromini di particolare interesse è quello relativo a Villa Doria Pamphilj, concepita quale futura dimora del cardinale Camillo Pamphilj, nipote dell’allora Papa Innocenzo X. Il progetto borrominiano è accompagnato da un promemoria redatto da Emmanuel Maignan, Padre afferente all’Ordine dei Minimi, vissuto per alcuni anni presso il Convento di SS. Trinità dei Monti a Roma. Il manoscritto di Padre Maignan elenca una serie di meraviglie scientifiche concepite per adornare la villa e il parco circostante: tali giochi testimoniano il profondo interesse, in epoca barocca, per gli studi relativi all’ottica, alla gnomonica, alla pneumatica, all’acustica e al magnetismo. Il volume ipotizza una ricostruzione in ambito digitale della villa e dei giochi scientifici in essa contenuti, tenendo conto della poetica compositiva borrominiana e degli apporti matematici offerti da Emmanuel Maignan. Alla luce del clima filosofico e culturale che animò la produzione architettonica della Roma del XVII secolo, l’indagine toccherà a più riprese il pensiero di René Descartes, figura chiave nel contesto europeo di quegli anni, impegnato nella divulgazione di un nuovo metodo conoscitivo, dal quale emergono i profondi legami con la scienza della rappresentazione.

Alessio Bortot
Emmanuel Maignan e Francesco Borromini
Il progetto di una villa scientifica nella Roma barocca
18,00€
17,10€
isbn 9788862424127
collana Saggi Iuav
numero 4
edizione corrente 6 / 2020
prima edizione 6 / 2020
lingua Italiano
formato 140x210cm
pagine 272
stampa colore
rilegatura brossura
copertina download
Aggiungi al carrello
l'autore
Alessio Bortot (1978) si laurea in architettura all’Università Iuav di Venezia nel 2006 con una tesi sugli aspetti geometrico-astronomici relativi al Tempio Bayon ad Angkor (Cambogia). È stato assegnista di ricerca e docente a contratto di “Fondamenti e app...

Alessio Bortot (1978) si laurea in architettura all’Università Iuav di Venezia nel 2006 con una tesi sugli aspetti geometrico-astronomici relativi al Tempio Bayon ad Angkor (Cambogia). È stato assegnista di ricerca e docente a contratto di “Fondamenti e applicazioni di geometria descrittiva” presso l’Università Iuav di Venezia, l’Università di Ingegneria di Padova, docente di “Modellazione digitale” presso lo IED di Venezia e di “Teoria della Percezione” presso l’Accademia Alma Artis di Pisa. Ha tenuto conferenze in ambito disciplinare in istituzioni accademiche italiane ed estere, partecipando a ricerche di carattere nazionale e internazionale (James Turrell. Roden Crater Project; Jean François Niceron. Prospettiva, catottrica e magia artificiale). Ha diverse pubblicazioni al suo attivo, tra le quali ricordiamo: Modelli digitali. Approcci multidisciplinari alla rappresentazione eidomatica, A. Bortot, M. Sonego, a cura di, Venezia 2010; La Geomatica per la documentazione e la tutela dell’architettura e del paesaggio Veneto, Venezia 2012. Collabora con l’unità di ricerca Imago Rerum (Iuav), coordinata dal prof. Agostino De Rosa, in ambiti di indagine relativi alla storia della rappresentazione e ai suoi rapporti con l’arte contemporanea. Attualmente è assegnista di ricerca presso IR.IDE/Infrastruttura di Ricerca del Dipartimento di eccellenza dell’Università Iuav di Venezia.

Leggi ancora

della stessa collana