Parigi, i ruggenti anni Venti: entrare al Théâtre du Vieux-Colombier e trovarvi proiettati gli studi di Lucien Bull sul ralenti, o entrare allo Studio 28 fresco di inaugurazione e trovarsi immersi in una cristallizzazione di sali minerali proiettata in trittico. Ancora, varcare le soglie di una delle sedi della Filmliga olandese e assistere alla proiezione seriale di sensuali fioriture, o prendere parte alla quarta performance della London Film Society dove un film radiografico ne precede uno sulle gesta del più crudele tra gli insetti, il dytiscus.

Frequentemente presente al cuore di quell’esperimento estremamente moderno che è la pratica di programmazione di ciné-club e sale specializzate che negli anni Venti spuntano come funghi nelle maggiori città europee, il film scientifico si trova in quegli anni a essere anche investito di un ruolo cruciale nella costruzione dell’avanguardia cinematografica.
è soprattutto in virtù delle tecniche speciali che sviluppa – ralenti e accelerato, microcinematografia e riprese subacquee – che esso può arrivare a rivendicare un suo posto nella riflessione sulla specificità del medium, catalizzando la formazione di alcuni concetti chiave delle teorie estetiche dell’epoca.

Perché l’avanguardia è così magneticamente attratta dal film scientifico?

Maria Ida Bernabei
Un’emozione puramente visuale
Film scientifici tra sperimentazione e avanguardia
18,00€
17,10€
isbn 9788862424905
collana Saggi Iuav
numero 7
edizione corrente 1 / 2021
prima edizione 1 / 2021
lingua Italiano
formato 14x21cm
pagine 272
stampa monocromia
rilegatura brossura
copertina download
Aggiungi al carrello
l'autore
Maria Ida Bernabei ha conseguito il dottorato in Cultura Visuale ed Études Cinématographiques presso le università Iuav di Venezia e Paris 8, dopo una formazione in storia dell’arte tra gli atenei di Bologna e Venezia. Ha precedentemente lavorato sui docum...

Maria Ida Bernabei ha conseguito il dottorato in Cultura Visuale ed Études Cinématographiques presso le università Iuav di Venezia e Paris 8, dopo una formazione in storia dell’arte tra gli atenei di Bologna e Venezia. Ha precedentemente lavorato sui documentari italiani del regime (La linea sperimentale. Un percorso di ricerca attraverso quarant’anni di cinema documentario italiano, 2013), e i suoi saggi sono apparsi in collettanee e riviste italiane e internazionali quali “1895”, “Cinéma & Cie”, “Immagine. Note di storia del cinema” e “Fata Morgana”. Attualmente è assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Studi umanistici e del patrimonio culturale dell’Università degli Studi di Udine.

Leggi ancora

della stessa collana