Inhabitation is the primary action of becoming rooted with the land through settlement. The dwelling space is an expression of this bond – both inside and out. To feel oneself inextricably linked to a place, to exist in it perceiving it as an integral part of one’s existential reality, is to place the landscape as the fundamental core of the living space. In the ancient forms of living, this core of domestic life was the hearth – archetypal representation of a purely introspective idea of architecture. Conversely, the landscape today represents a characteristic element of modern and contemporary inversions of the housing and typological modalities. The house meant shelter – a protective enclosure whose centralities were the fire and the patio; in the contemporary experience, we look away from the center and gaze towards outside. Reality is no longer impervious. Once changed into art, into a scenario, reality becomes domestic; it becomes landscape, the lifeblood of man’s abode.

Therefore, living a space is a conceptual and material expression of this current condition of belonging to places whilst remaining linked to perception.

Fabrizio Foti
The Landscape within the House
A reflection on the relationship between landscape and architecture
9,90€
8,40€
isbn 9788862423472
edizione corrente 2 / 2019
prima edizione 2 / 2019
lingua Inglese
formato 120x165cm
pagine 84
stampa monocromia
rilegatura brossura
copertina download
Aggiungi al carrello
l'autore
Fabrizio Foti si laurea nel 2002 presso la Facoltà di Architettura “Valle Giulia”, Università degli Studi “La Sapienza” di Roma. Nel 2008 consegue il titolo di dottore di ricerca nel Dottorato di Ricerca in Progettazione Architettonica ed Analis...

Fabrizio Foti si laurea nel 2002 presso la Facoltà di Architettura “Valle Giulia”, Università degli Studi “La Sapienza” di Roma.
Nel 2008 consegue il titolo di dottore di ricerca nel Dottorato di Ricerca in Progettazione Architettonica ed Analisi Urbana dell’Università degli studi di Catania, Facoltà di Architettura di Siracusa. È stato Docente a contratto di Composizione Architettonica, nel Laboratorio di Progetto II del Corso di Laurea Triennale in Scienza dell’Architettura e dell’Ingegneria Edile e nel Laboratorio di Tesi
“La modernità dei tessuti storici”, di Teoria e Tecnica della Progettazione Architettonica Contemporanea, di Architettura del Paesaggio e di Progettazione degli Interni nel Corso di Laurea Quinquennale a Ciclo Unico di Architettura presso la SDS di Architettura in Siracusa, Università di Catania. Dal 2015 insegna Disegno Tecnico e Progettuale 2 all’Accademia di Design e di Arti Visive ABADIR di Catania.
Ha tenuto lezioni e conferenze presso varie Università di città italiane e straniere. Ha partecipato come curatore scientifico, docente e progettista invitato a diversi Workshop-Seminari di progettazione internazionali e a progetti di ricerca universitari. Ha partecipato, inoltre, come capogruppo e come progettista, a numerosi concorsi di progettazione internazionali, alcuni dei quali premiati o pubblicati. È autore di diversi saggi e articoli pubblicati in Italia e all’estero. Con LetteraVentidue ha pubblicato: Il Laboratorio Segreto dell’Architettura. L’intimo legame tra arti plastiche e architettura in Le Corbusier (2008); Il Paesaggio nella Casa. Una riflessione sul rapporto Architettura-Paesaggio (1a edizione, 2009); Architettura: realtà del divenire (2011); Barclay & Crousse. Segnali di vita tra i due deserti (2012); Akrai Urban Lab. Il ruolo del progetto nella costruzione della città e del territorio (2012); La via del disegno (2016).

Leggi ancora

dello stesso autore