Armando Dillon, soprintendente ai monumenti in Sicilia dal 1941 al 1955, attraversa da architetto e uomo delle istituzioni gli anni bui della guerra e quelli difficili, ma illuminati dalla speranza, della ricostruzione. Al suo operato – che non viene fermato dalle bombe né dall’accumularsi delle macerie – le città siciliane e il patrimonio monumentale dell’isola devono moltissimo.

La drammatica stagione della guerra e la successiva ricostruzione hanno indelebilmente segnato il destino di gran parte del nostro patrimonio monumentale e, ancor più, il volto delle nostre città. La giornata di studi La guerra del soprintendente. Armando Dillon in Sicilia (1941-1955) (Catania, 17 dicembre 2019) e il volume dedicato all’attività di un soprintendente «“monumentalmente” siciliano dell’est e dell’ovest» rispondono al desiderio di custodire la memoria di chi della nostra memoria si è fatto carico curando, proteggendo e restaurando architetture e brani di città.

Maria Rosaria Vitale, Giuseppe Scaturro
Armando Dillon
La guerra e il “travaglio” della ricostruzione in Sicilia (1941-1955)
24,00€
16,80€ fino al 03/04/2020
isbn 9788862423281
book series diàtoni
number 2
current edition 12 / 2019
first edition 12 / 2019
language Italian
size 16.5x24.0cm
pages 168
print color
binding paperback
copertina download
Add to cart
the author
Maria Rosaria Vitale (Enna, 1967). Architetto e dottore di ricerca, insegna dal 2002 Restauro presso l’Università degli studi di Catania, Struttura didattica speciale di architettura di Siracusa. La sua attività scientifica e didattica è incentrata sulla s...

Maria Rosaria Vitale (Enna, 1967). Architetto e dottore di ricerca, insegna dal 2002 Restauro presso l’Università degli studi di Catania, Struttura didattica speciale di architettura di Siracusa. La sua attività scientifica e didattica è incentrata sulla storia e teoria del restauro e sulla storia comparata del patrimonio architettonico in Europa. Oltre a diversi saggi e articoli ha pubblicato i volumi: Restauri in Francia (1970-2000). Storia, politiche, interventi (Palermo 2001), Piazza Armerina: dalla Villa al Parco. Saggi e ricerche sulla Villa romana del Casale e il fiume Gela (Cannitello 2010, con C.F. Nigrelli), La ricostruzione in Francia dopo la Seconda guerra mondiale. Monumenti e patrimonio urbano nelle politiche di trasformazione (numero monografico di «Storia Urbana», 155/2017, con F. Malservisi).

Read more

Architetto e dottore di ricerca, è docente di Storia dell’arte a Palermo. Ha svolto attività di ricerca sulla storia delle architetture difensive siciliane e sui materiali costruttivi tradizionali. Attualmente conduce ricerche e studi sul restauro dei monumenti nel secondo dopogu...

Architetto e dottore di ricerca, è docente di Storia dell’arte a Palermo. Ha svolto attività di ricerca sulla storia delle architetture difensive siciliane e sui materiali costruttivi tradizionali. Attualmente conduce ricerche e studi sul restauro dei monumenti nel secondo dopoguerra in Sicilia. Su questi temi ha pubblicato Architetture catalane a Palermo: i restauri del dopoguerra. Il caso di palazzo Abatellis e S. Maria della Catena (2007), Le ricostruzioni post-belliche delle cupole dell’Olivella e di Casa Professa a Palermo. 1943-1954 (2008, con A. Cangelosi), Il restauro del vuoto. Il trattamento delle lacune in architettura: interventi a Palermo nel secondo dopoguerra (2008), Il VII Congresso di Storia dell’architettura a Palermo (1950), Il contributo di Roberto Pane e l’attività di tutela e restauro in Sicilia (2010, con M.R. Vitale).

Read more

from the same book series