Lo spazio è sempre stato il reale protagonista dell’architettura; quest'ultima si è sempre espressa attraverso il linguaggio degli spazi e l'aver determinato unità spaziali. Il libro vuole indagare il tema del vuoto – straordinariamente denso e largamente trattato da diversi autori – come una delle condizioni necessarie nella costruzione dell'esperienza spaziale architettonica. Questo saggio non è il racconto del vuoto, ma la narrazione di spazi che vengono riletti a partire dal pensiero negativo che genera la condizione spaziale nella quale si svolge la nostra vita – e quella degli altri. è pertanto un saggio che racconta di spazi. Il vuoto in architettura continua ad essere una condizione transitiva legata alla dimensione dello spazio, principalmente in un momento nel quale la ricerca sul progetto si allontana dalla misura necessaria dello spazio stesso. Sembra necessario occuparsi di questo tema e reimmetterlo in nuovo ragionamento attraverso diverse chiavi interpretative, provando a tessere relazioni sul tema del vuoto in maniera trasversale e transdisciplinare rispetto alle differenti culture – o altri recinti disciplinari.

Alberto Ulisse
Il Peso del Vuoto
Ragionamenti su assenze, vuoto, rumore ...e altre architetture
12,00€
10,20€
isbn 9788862422789
book series compresse
number 30
current edition 1 / 2018
first edition 1 / 2018
language Italian
size 12x18cm
pages 128
print b&w
binding paperback
Add to cart
the author
Alberto Ulisse (1978), architetto, attualmente è ricercatore in Progettazione architettonica ed urbana presso il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi “Gabriele d’Annunzio” Chieti-Pescara. Si laurea con lode, nel 2004, con il ...

Alberto Ulisse (1978), architetto, attualmente è ricercatore in Progettazione architettonica ed urbana presso il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi “Gabriele d’Annunzio” Chieti-Pescara. Si laurea con lode, nel 2004, con il professor Pepe Barbieri. Successivamente è borsista al Master universitario di I livello presso il Dd’A di Pescara; nel 2005 consegue il Master universitario di II livello in “Architettura della strada. Strumenti per il progetto e la valorizzazione delle infrastrutture nel territorio”, presso il Politecnico di Torino ed ANAS. È Dottore di ricerca in “Architettura ed urbanistica” (XXII ciclo) presso il Dd’A di Pescara (2010); nel 2008-09 è stato docente a contratto presso l’École Nationale Supérieure d’Architecture de Grenoble, collaborando al CRESSON con il professor Nicolas TIxier. Nel 2006 è stato invitato in qualità di progettista alla X edizione della Biennale di Architettura di Venezia, per la redazione di un progetto su “la città del futuro: VeMa-2026”, all’interno del padiglione italiano curato dal prof. arch. Franco Purini e la DARC (Roma) e la Biennale di Venezia, con il progetto presentato: VeloCity. Dal 2005 condivide idee e progetti con UNOAUNO_spazioArchitettura, collaborando con Marino la Torre a concorsi di architettura e di progettazione, ricevendo numerosi premi e segnalazioni da giurie nazionali ed internazionali (www.unoaunostudio.it). Autore di diverse pubblicazioni, i suoi ultimi saggi sono Energycity (collana Babel, LIStLab), ReStart (collana Mosaico, Libria), Upcycle (collana Alleli, LetteraVentidue), Common Space (collana Tools, LIStLab), Modelli di case (collana Mosaico, Libria). È ideatore e curatore dell’auto-collana QuadernInfiniti (numeri da 0 a 4, Sala editori). Attualmente ricopre il ruolo di Segretario ProArch, Società Scientifica dei Docenti di Progettazione ICAR 14-15-16.

Read more

by the same author


from the same book series